Lussazione anteriore di spalla

Ultimo aggiornamento il 18 Gennaio 2022
Lussazione anteriore di spalla

La lussazione della spalla avviene nel 95% dei casi anteriormente (lussazione gleno-omerale anteriore) come conseguenza di un trauma indiretto, mentre il braccio è abdotto ed extra-ruotato nella posizione del lanciatore; per la particolare anatomia dell’articolazione della spalla meno frequente è l’eventualità di un trauma diretto sul moncone della spalla.

Le tre tipologie di lussazione anteriore della spalla sono:

  • la lussazione sotto-coracoidea, di gran lunga la tipologia più comune di evento lussativo: si manifesta quando la testa dell’omero si posiziona al di sotto dell’apofisi coracoide della scapola, come conseguenza di cadute sulla mano o sul gomito;
  • la lussazione sottoglenoidea o extra-coracoide, si manifesta quando la testa dell’omero si disloca sul labbro glenoideo e non supera il collo dell’omero. Di solito consegue a cadute quando il braccio è intraruotato e non è molto comune;
  • la lussazione sottoclavicolare o intra-coracoide si verifica quando la testa dell’omero si posiziona sotto le costole ed è tipica di una caduta in flessione, anche questa non molto comune.

Le strutture anatomiche che mantengono in sede la testa dell’omero e consentono l’ampia motilità dell’arto superiore non sono in grado di guarire spontaneamente in seguito a un trauma che determina la lussazione di spalla. Per questo motivo e per ridurre al minimo le possibilità di recidiva e i danni cronici delle strutture articolari e limitrofe si deve sempre valutare l’intervento chirurgico, che può essere eseguito con metodica open, oppure con tecniche artroscopiche.

Dove ti fa male?

Compila il form e un nostro specialista ti risponderà

Oppure