Linfodrenaggio

Ultimo aggiornamento il 26 Febbraio 2024
Linfodrenaggio prestazioni Top Physio

Il linfodrenaggio, o drenaggio linfatico manuale, è una speciale tecnica di messaggio che si concentra sul sistema linfatico. Particolarmente utile nei casi di linfedema, il linfodrenaggio favorisce il movimento del fluido linfatico allo scopo di ridurre il gonfiore. Non va confuso con il massaggio tradizionale e infatti può essere praticato solo da fisioterapisti esperti specificamente formati.
Il drenaggio linfatico manuale ha effetti profondi sulla salute e può aumentare il volume del flusso linfatico fino a venti volte, favorendo l’abilità del corpo umano di rimuovere tossine e prodotti di scarto oltre che ridurre l’infiammazione, il dolore e la formazione di adesioni e tessuto cicatriziale e velocizzare il processo di guarigione e i tempi di recupero.

A cosa serve il linfodrenaggio

Il linfodrenaggio è un massaggio leggero ed elasticizzante che si concentra specificamente sui vasi linfatici per aiutare il flusso del fluido linfatico quando il sistema linfatico non funziona correttamente o è bloccato.

L’obiettivo del drenaggio linfatico manuale è far fluire il liquido dall’area del gonfiore in un’area dove il sistema linfatico funziona normalmente. Attraverso una stimolazione regolare, infatti, i vasi linfatici sotto la pelle vengono incoraggiati a lavorare di più e a trovare nuovi percorsi per drenare la linfa trattenuta nei tessuti. Oltre alla riduzione del gonfiore il linfodrenaggio ha effetti benefici sull’infiammazione, il miglioramento della funzione del sistema immunitario, il rilassamento e il sollievo dallo stress.

Ma che cos’è il sistema linfatico?

Come il sangue nel sistema circolatorio, il fluido linfatico è sempre in movimento.
Il sistema linfatico funge da sistema fognario del corpo. Costituito da una rete di linfonodi, dotti e vasi, trasporta i liquidi, che contengono proteine, sali, acqua e globuli bianchi, attraverso il corpo fino al sangue. La linfa, che si muove grazie all’azione dei muscoli, durante il suo percorso, incontra i linfonodi, gli organi deputati a filtrare le sostanze estranee (come le infezioni) prima che il fluido entri nel sistema venoso centrale. In condizioni in cui il sistema linfatico non funziona correttamente, il liquido si accumula, provocando il rigonfiamento dell’area. 
Il massaggio linfodrenante sposta il fluido dove il sistema linfatico funziona correttamente, in modo che il fluido possa essere rimosso e il gonfiore diminuisca.
Il sistema linfatico può smettere di funzionare correttamente se si blocca, si infiamma o ci si ammala di cancro. 

Per chi è indicato il linfodrenaggio

Particolarmente richiesto per i suoi benefici estetici, ad esempio per combattere la cellulite, il linfodrenaggio è in realtà ampiamente utilizzato per scopi terapeutici nei casi di linfedema primario (di tipo congenito) e secondario (come conseguenza di traumi, interventi chirurgici, infezioni). Inoltre, il linfedema secondario causato dal cancro può essere efficacemente trattato con il drenaggio linfatico manuale insieme ad una terapia decongestiva completa. Il trattamento comprende quattro elementi: drenaggio linfatico manuale, bendaggio compressivo, esercizi terapeutici e cura della pelle.

Altre patologie per cui si può ricorrere al linfodrenaggio sono:

  • Artrite reumatoide: una condizione infiammatoria che causa dolore e gonfiore alle articolazioni;
  • Lipedema: una condizione cronica in cui il grasso si accumula nelle gambe, nei fianchi e nei glutei impedendo alla linfa di defluire correttamente;
  • Fibromialgia: è una condizione patologica caratterizzata da dolori muscolari diffusi;
  • Insufficienza venosa cronica: è una condizione di malfunzionamento del ritorno venoso dalle gambe al cuore.

Il drenaggio linfatico è indicato anche nelle seguenti circostanze:

  • Ridurre il gonfiore ed aiutare il reintegro dell’omeostasi dopo lo stress associato a qualunque tipo di infortunio
  • Prevenire e minimizzare le adesioni e la formazione del tessuto cicatriziale
  • Trattamento dell’emicrania
  • Trattamento della cefalea muscolo-tensiva
  • Detossificazione
  • Nel periodo pre-operatorio di un intervento di chirurgia plastica
  • Nel periodo post-operatorio di un intervento di chirurgia plastica
  • Trattamento delle vene varicose

Quali sono i benefici del linfodrenaggio

Il linfodrenaggio si rivela un’efficace pratica terapeutica che offre vantaggi significativi per il benessere generale dell’organismo. La sua azione meccanica mira principalmente a stimolare la circolazione linfatica, contribuendo così a una serie di benefici fisici, ma anche psicologici.


Come già detto, il linfodrenaggio migliora la circolazione linfatica, alleviando edemi e riducendo il gonfiore, ma per questo può anche favorire un’accelerazione della guarigione delle ferite e una riduzione dell’infiammazione nei tessuti. Favorisce inoltre il drenaggio dei liquidi in eccesso e delle tossine dal corpo e migliora la tonicità cutanea; ha effetti benefici sul sistema immunitario facilitando la circolazione delle cellule immunitarie e degli anticorpi.
I benefici del linfodrenaggio non si limitano alla solo sfera fisica, ma si estendono anche al sistema nervoso autonomo. La stimolazione di questo sistema ha un impatto positivo sul benessere psicofisico complessivo, contribuendo a ridurre lo stress e a migliorare l’umore. Inoltre, il linfodrenaggio agisce come un efficace analgesico, influenzando i nocicettori responsabili della percezione del dolore.

Associato a uno stile di vita sano che prevede una buona idratazione, una corretta alimentazione e un’attività fisica costante, il linfodrenaggio è un valido alleato nella gestione di problematiche a carico del sistema linfatico. La sua versatilità lo rende adatto a una vasta gamma di pazienti, offrendo benefici tangibili per la salute fisica e mentale.

Quali sono le tecniche del massaggio linfodrenante

Il linfodrenaggio Vodder è quello più conosciuto ma esistono diverse tecniche di drenaggio linfatico manuale. Le più usate prendono il nome da coloro che l’hanno ideate: oltre a Vodder quindi, anche Leduc, Foldi e Castle-Smith.

Il danese Emil Johnson Vodder e sua moglie furono i primi a teorizzare il massaggio linfodrenante. Nel 1936 presentarono questa tecnica in un convegno di medicina estetica a Parigi riscuotendo molto successo. Vodder, che dedicò gran parte della sua vita allo studio del sistema linfatico per perfezionare la sua tecnica e dimostrarne la validità scientifica, ha basato questa metodologia su quattro manovre precise eseguite con movimenti lenti e ritmici e su una lievissima pressione con la quale evitare stimoli eccessivi che potrebbero sovraccaricare i vasi linfatici e causarne la congestione. L’obiettivo è riorientare il flusso linfatico per contrastare il gonfiore che provoca nei tessuti. Oggigiorno la tecnica Vodder è ancora tra le più utilizzate in campo riabilitativo

Estensione della tecnica Vodder è quella elaborata da Foldi a cui dobbiamo l’intuizione di aver integrato il massaggio linfodrenante con altre tecniche terapeutiche, come esercizi e compressione, elaborando la Terapia Complessa Decongestionante, ancora largamente utilizzata per decongestionare un arto colpito dall’edema linfatico.

Leduc, allievo di Vodder, avendo a disposizione tecniche diagnostiche più accurate come la linfoscintigrafia, rielaborò la tecnica di Vodder strutturandola su due manipolazioni: quella di richiamo (appeal), da effettuare nelle zone prossimali l’area edematosa, per aiutare il drenaggio, e quella di riassorbimento (“resorption”) che agisce invece per spostare il fluido linfatico verso i linfonodi. A differenza della tecnica di Vodder, quella elaborata da Leduc è un massaggio distrettuale che focalizza l’attenzione sulla localizzazione dell’edema e non su tutto il corpo.

Infine, l’australiano Casley-Smith che continuò a studiare e perfezionare il trattamento del linfedema tramite linfodrenaggio.

Per ogni paziente viene elaborato un protocollo personale di trattamento quindi la scelta della tecnica da utilizzare dipende da diversi fattori chiave che includono:

  • Obiettivi specifici del trattamento: diversi metodi possono essere più efficaci per obiettivi specifici, come la riduzione dell’edema, il miglioramento della circolazione linfatica, o il supporto alla guarigione post-chirurgica. Ad esempio, il metodo Vodder è spesso lodato per la sua efficacia nel trattamento del linfedema e nell’incrementare il flusso linfatico, mentre il metodo Leduc è rinomato per la sua precisione nel trattare edemi specifici e per la sua applicazione in ambito clinico.
  • Condizione del paziente: le condizioni sottostanti del paziente, comprese malattie specifiche, il tipo e la gravità del linfedema, e la presenza di altre complicazioni mediche, possono influenzare la scelta della tecnica. Alcune tecniche possono essere preferite per pazienti con condizioni delicate o specifiche vulnerabilità.
  • Formazione e esperienza del terapista: la conoscenza e l’esperienza del terapista con una particolare tecnica possono giocare un ruolo significativo nella scelta del metodo. Terapisti che hanno una formazione avanzata o che hanno ottenuto risultati eccellenti con un certo approccio possono preferire utilizzarlo.
  • Preferenze del paziente: le esperienze passate, le preferenze personali, e il comfort del paziente con una determinata tecnica possono influenzare la decisione. È importante che il paziente si senta a proprio agio e fiducioso riguardo al trattamento scelto.
  • Ricerca e evidenza clinica: la scelta può essere influenzata anche dalla ricerca e dalle evidenze cliniche disponibili riguardo all’efficacia di ciascuna tecnica per specifiche condizioni o popolazioni di pazienti. I terapisti possono consultare studi clinici e linee guida professionali per informare la loro pratica.
  • Ambito di applicazione: alcune tecniche possono essere più adatte a determinati contesti, come l’ambiente ospedaliero, la riabilitazione post-operatoria, o la pratica clinica privata. La logistica del trattamento, inclusa la durata e la frequenza delle sedute, può influenzare la scelta.

La scelta della tecnica di massaggio linfodrenante, quindi, dipende da una valutazione complessiva delle esigenze del paziente, degli obiettivi terapeutici, della formazione e dell’esperienza del terapista, nonché delle evidenze cliniche disponibili. Un approccio personalizzato, che consideri tutti questi fattori, è essenziale per ottenere i migliori risultati possibili.

Come si svolge una seduta di drenaggio linfatico manuale?

Una seduta di drenaggio linfatico manuale è un processo metodico guidato dalla competenza e l’esperienza del fisioterapista e adattato alle specifiche esigenze di ciascun paziente.

Il linfodrenaggio viene eseguito su di un lettino fisioterapico senza l’uso di olio o lozioni, utilizzando esclusivamente manovre manuali. La frequenza delle sedute è variabile e dipende dalla valutazione del singolo caso: è il Medico che, dopo la visita specialistica, redige il piano terapeutico, che può comprendere un numero variabile di sedute. Solitamente, un ciclo di dieci sedute è considerato una base appropriata, ma in casi più complessi o cronici, potrebbe essere necessario un numero maggiore di sedute per massimizzare i benefici nel tempo.
Durante la prima seduta è possibile che il fisioterapista faccia delle fotografie e prenda delle misure centimetriche e volumetriche in modo da sottoporre il percorso di cura a una valutazione quanto più oggettiva. In caso di linfedema importante il terapista potrebbe anche scegliere di applicare un bendaggio compressivo già alla prima seduta.

Una seduta di drenaggio linfatico manuale è un processo altamente specializzato che richiede una conoscenza approfondita del funzionamento del sistemo linfatico e che combina l’esperienza del terapista con la risposta individuale del paziente.

Quante sedute di linfodrenaggio per avere risultati

Il numero di sedute di linfodrenaggio necessarie per ottenere risultati significativi può variare notevolmente in base alla condizione specifica del paziente, alla gravità del problema trattato e alla risposta individuale al trattamento. In generale, molti terapisti consigliano un ciclo iniziale di almeno dieci sedute per garantire un impatto ottimale. Tuttavia, va sottolineato che questa è solo una stima generale e il piano di trattamento preciso può essere determinato da un Medico solo dopo una valutazione individuale.

Alcune condizioni possono richiedere approcci differenti e influenzare la durata e l’intensità del trattamento. In alcuni casi, i pazienti possono notare miglioramenti evidenti già dopo poche sessioni, mentre altri potrebbero richiedere un periodo più esteso per ottenere risultati apprezzabili.

La regolarità delle sedute è un elemento chiave per garantire continuità e successo al trattamento. Alcuni pazienti possono optare per due o tre sedute a settimana, mentre altri potrebbero seguire un ritmo più diluito nel tempo. È importante sottolineare che la comunicazione aperta tra il paziente e il terapista è essenziale per regolare il piano di trattamento in base alla risposta individuale e alle necessità specifiche.

Quali sono gli effetti collaterali e le controindicazioni del linfodrenaggio

Il massaggio linfodrenante è generalmente considerato sicuro. Tuttavia, ci sono alcuni rischi ed effetti collaterali di cui essere consapevoli. Solitamente il linfodrenaggio non è consigliato a chi ha un’infezione, coaguli di sangue o soffre di disturbi cardiaci, insufficienza renali o tumori maligni non trattati.
La maggior parte delle persone tollera bene il massaggio linfodrenante. Ma a volte può causare:

  • Mal di testa
  • Nausea
  • Affaticamento o sonnolenza

Perché è importante affidarsi a un fisioterapista

Per intraprendere un trattamento del linfedema attraverso linfodrenaggio è necessario affidarsi a un fisioterapista esperto che su prescrizione e supervisione medica porti avanti un percorso terapeutico efficace con il quale gestire la patologia. Una valutazione medica completa è infatti necessaria per comprendere la situazione clinica del paziente e del linfedema da trattare e determinare l’approccio più adatto.

Il linfodrenaggio è una tecnica manuale complessa, che richiede una formazione specifica al fine di garantire precisione ed evitare stimoli eccessivi che potrebbero addirittura aggravare l’edema.

È chiaro quindi che il linfodrenaggio in ambito riabilitativo non ha niente a che fare con l’estetica. Il fisioterapista è l’unica figura certificata a eseguire il linfodrenaggio perché ha avuto una formazione specifica che garantisce la corretta esecuzione della tecnica.

Quanto dura l’effetto del messaggio linfodrenante

La durata dell’effetto del massaggio linfodrenante varia in base a diversi fattori, compresa la gravità del problema trattato, lo stile di vita del paziente e il rispetto delle indicazioni post-trattamento. In generale, l’effetto immediato del linfodrenaggio può essere percepito già dopo una singola seduta, con una sensazione di leggerezza e un buon miglioramento nella riduzione dell’edema.
Tuttavia, è importante sottolineare che il linfodrenaggio non è una soluzione definitiva in sé, ma piuttosto parte di un approccio terapeutico più ampio. La frequenza delle sedute e la continuità nel trattamento sono fondamentali per ottenere risultati duraturi.

La collaborazione tra il fisioterapista e il paziente è essenziale per mantenere nel tempo gli effetti positivi del linfodrenaggio. Il paziente potrebbe essere incoraggiato a seguire uno stile di vita sano, cioè una dieta equilibrata, un’idratazione adeguata e la pratica regolare di attività fisica, per favorire il corretto funzionamento del sistema linfatico. Inoltre, il rispetto delle indicazioni post-trattamento, come l’uso di calze o bracciali contenitivi, se prescritti, può contribuire significativamente a mantenere i risultati ottenuti.

Quanto costa un trattamento di linfodrenaggio

Il costo di un trattamento di linfodrenaggio può variare notevolmente in base a diversi fattori, tra cui la regione geografica, l’esperienza del terapista, la durata della sessione e la specificità del trattamento. In generale, i prezzi possono oscillare da circa 50 a 150 euro per sessione.

Fattori come la gravità del problema trattato, la complessità del caso e la necessità di trattamenti specializzati possono influenzare il costo complessivo. Inoltre, la reputazione e la formazione del terapista possono giocare un ruolo significativo nel determinare le tariffe. Professionisti altamente qualificati o specialisti nel linfodrenaggio, ad esempio, potrebbero addebitare tariffe più elevate rispetto a coloro che offrono trattamenti più generali.

È importante considerare il linfodrenaggio non solo come un costo singolo, ma come parte di un piano terapeutico più ampio. La frequenza delle sedute raccomandata per ottenere risultati ottimali può influire sul costo complessivo. Alcuni pazienti possono notare miglioramenti significativi dopo poche sessioni, mentre altri potrebbero richiedere un ciclo più lungo per trattare condizioni più complesse.

Dove ti fa male?

Compila il form e un nostro specialista ti risponderà

Oppure