F.A.Q. Ortopedia di ginocchio

Ultimo aggiornamento il 30 Maggio 2022
Ortopedia di ginocchio

Hai bisogno di un consiglio nella scelta del super specialista o del centro più idoneo per affrontare il tuo particolare caso? Segnalaci la problematica inoltrandoci via mail gli ultimi referti medici o diagnostici effettuati. Sarà nostra premura suggerirti il professionista più indicato da interpellare per conoscere quale sia il miglior percorso di cura specializzato da intraprendere nel tuo caso.

Chi ha visitato questo sito ci ha spesso chiesto:

Di che si occupa l’Ortopedia di ginocchio?

L’Ortopedia di Ginocchio è quell’ambito di applicazione del sapere medico che si occupa della diagnosi e del trattamento delle alterazioni anatomiche o funzionali di questa articolazione. Ma che cosa significa?
Un’alterazione anatomica è una condizione che si manifesta quando è sovvertita l’anatomia normale di un distretto corporeo: a cambiamento strutturale può conseguire un’alterazione funzionale. Un esempio di alterazione anatomica è rappresentato dalla Gonartrosi o artrosi di ginocchio. Si tratta di una patologia cronica che si sviluppa come lesione degenerativa a carico della cartilagine articolare e che provoca, progressivamente, difficoltà nell’esecuzione dei movimenti, dolore e, nei casi più avanzati, deformazione visibile dell’articolazione del ginocchio. Le alterazioni anatomiche tipiche della Gonartrosi si manifestano di solito in età giovane-adulta, ma il dolore e le limitazioni funzionali macroscopiche spingono il paziente a rivolgersi all’Ortopedico solamente in età avanzata.
Il caso della Gonartrosi, come delle molte patologie anatomiche che coinvolgono il ginocchio, è piuttosto frequente nella popolazione generale; queste si affiancano a quelle che vengono chiamate alterazioni funzionali, le quali rappresentano condizioni predisponenti patologie organiche. Una tipica patologia funzionale è la Sindrome femore-rotulea, la quale si caratterizza per il dolore localizzato nella zona anteriore del ginocchio, in assenza di alterazioni strutturali. La Sindrome femoro-rotulea è infatti dovuta ad un sovvertimento delle forze dinamiche che agiscono sulla rotula durante il movimento e l’esercizio e, se non trattata in modo opportuno, rappresenta un fattore di rischio per lo sviluppo di patologie infiammatorie, come l’osteoartrite femoro-rotulea, risultando quindi in alterazioni anatomiche. È evidente che le alterazioni anatomiche sono fattori di rischio e cause dirette per limitazioni funzionali; viceversa, alterazioni funzionali sono fattori di rischio per patologie anatomiche. L’Ortopedia di Ginocchio deve gestire e trattare al meglio queste condizioni, cucendo sul paziente il miglior percorso di cura.


Quali sono le Eccellenze circa l’Ortopedia di Ginocchio?

In Italia vi sono diverse Eccellenze nella cura e nel trattamento delle patologie del ginocchio ed il Medico Chirurgo specialista in Ortopedia e Traumatologia che se ne occupa non solo ha conseguito un diploma di Laurea Magistrale e un diploma di Specialità, ma molto spesso ha approfondito l’argomento con Master e Corsi in Università nazionali ed estere.
Non è facile però individuare il Professionista in grado di approcciarsi ad una specifica patologia e che, contemporaneamente, tratti l’unicità del paziente valutando anche abitudini di vita ed esposizione lavorativa e discrezionale a fattori di rischio. Abbiamo ampiamente descritto le caratteristiche che contraddistinguono un’Eccellenza dell’attuale panorama sanitario in questa pagina; accedendo a quel contenuto potrai anche ritrovare i migliori Chirurghi ortopedici da noi selezionati in anni di esperienza. Gli Specialisti che abbiamo individuato sono alcune delle Voci più autorevoli del panorama italiano, esperti sia nel trattamento conservativo sia in quello chirurgico (con metodica open tradizionale o con approccio mini-invasivo o artroscopico) della patologia di ginocchio.


Cosa contraddistingue lo Specialista in Chirurgia del ginocchio?

Il Medico-chirurgo è uno Specialista abituato all’applicazione del Metodo scientifico ma anche dedito all’approfondimento continuo delle aree di suo interesse: ciò che lo contraddistingue è l’esperienza pluriennale nella Diagnosi e nel Trattamento delle Patologie del ginocchio grazie alla formazione continua a cui si dedica.
Contrariamente a quanto si possa pensare, infatti, una volta conseguito il diploma di Laurea e di Specializzazione, il Medico Chirurgo Ortopedico e Traumatologo non termina la sua fase di apprendimento. Questa “carriera di discente” continuerà invece durante l’intera sua attività lavorativa: l’approfondimento delle tematiche di suo interesse, delle più moderne tecniche chirurgiche e della pratica clinica ambulatoriale sarà il valore aggiunto in grado di elevare un già altissimo profilo professionale.
A volte lo Specialista si dedica con particolare attenzione alla pubblicazione di lavori originali su prestigiose riviste scientifiche nazionali e internazionali, lega la propria attività ad un Polo universitario ospedaliero o ad una Clinica privata che diviene un centro di eccellenza per una particolare casistica operatoria, collabora alle Linee guida e alla stesura del Consensus circa l’argomento di sua pertinenza. Questo Ortopedico può anche ricoprire ruoli istituzionali di Docente e, a sua volta, concorrere alla formazione di una nuova generazione di Medici chirurghi.
È raro però che lo Specialista si occupi direttamente della divulgazione della sua pratica clinica e della comunicazione efficace, in modo immediato e fruibile, di quelle che sono le sue competenze. Top Physio Quality Network ® interviene a questo livello e connette Esperti di settore e i pazienti che necessitano della loro specialità.


Quali sono gli Specialisti in Ortopedia del ginocchio?

La domanda non è banale e la risposta non è semplice. Considerando il vastissimo ambito di approfondimento del Chirurgo Ortopedico che si occupa di Patologie del ginocchio, possiamo innanzitutto distinguere due principali figure ortopediche che trattano questa articolazione:
– il Medico chirurgo Ortopedico che si occupa in elezione e in regime di non urgenza delle patologie del ginocchio, il quale, dopo accurata visita ambulatoriale pianifica con la sua équipe e con il paziente il momento migliore per intervenire sul distretto anatomico caratterizzato dalla patologia. Questo Ortopedico la maggior parte delle volte è un Superspecialista, dedicandosi in modo quasi completamente esclusivo alle Patologie di ginocchio;
– il Medico chirurgo Traumatologo ha invece dedicato diversi anni a perfezionarsi di modo da offrire le migliori cure in regime di emergenza/urgenza, per il trattamento di alterazioni acute che rappresentano un immediato pericolo per il paziente. Di solito questo Specialista opera nei reparti di Pronto Soccorso e gestisce quadri complessi (chiamati poli-traumi).
Sappiamo quanto sia difficile rintracciare uno Specialista esperto in Patologie del ginocchio. Se ne cerchi uno, puoi trarre alcuni spunti da questa pagina.


Quali sono i Centri di eccellenza per la Chirurgia del ginocchio?

In Italia vi sono diversi Centri di eccellenza nella Chirurgia del ginocchio. La nostra selezione si è basata sull’individuazione di tutti quei Centri in cui vengono eseguiti più interventi chirurgici di ginocchio e con i migliori risultati. Per comprendere in che modo Top Physio seleziona e connette Centri di eccellenza per la Chirurgia del ginocchio e pazienti, affidati alle nostre competenze e consulta la pagina dedicata.


Chi è il miglior Chirurgo Ortopedico del ginocchio?

Non è facile rispondere a questa domanda: la Chirurgia del ginocchio è un campo abbastanza vasto. Può però essere inizialmente suddiviso in Chirurgia protesica di ginocchio e Chirurgia artroscopica di ginocchio. La Chirurgia protesica del ginocchio è una forma di intervento basata sulla sostituzione completa o parziale dell’articolazione danneggiata. Mentre la Chirurgia artroscopica di ginocchio è una forma di intervento chirurgico mininvasivo che prevede solo piccole incisioni per trattare la zona. Comunque, a seconda del singolo caso e della zona del ginocchio interessata dalla patologia o dalla lesione, sarà possibile fare una ricerca mirata.


Dove trovo un Ortopedico Specialista del ginocchio?

In alcuni casi questi professionisti lavorano in diversi ambulatori, in altre circostanze invece esercitano stabilmente la loro attività in una sola struttura. In qualunque città vi sono diversi Ortopedici specializzati nella diagnosi e nella chirurgia del ginocchio, ma noi abbiamo voluto selezionare i migliori. In tal modo, ci assicuriamo che, nel caso il paziente si rivolga a noi per avere il parere di un Ortopedico specialista del ginocchio, sia certamente affidato alle mani giuste.


Come si riconosce il Chirurgo Ortopedico del ginocchio?

Un Chirurgo ortopedico del ginocchio si riconosce analizzando il suo curriculum, il numero di interventi svolti e la loro percentuale di successo. Sarà sicuramente preferibile affidarsi a Chirurghi ortopedici che abbiamo conseguito un buon percorso formativo, che siano aggiornati, che abbiano maturato lunga esperienza ed abbiano infine una buona casistica di interventi svolti con successo.


Chi è il miglior Ortopedico di ginocchio in generale?

Come già scritto non è facile rispondere a questa domanda. Ci sono Ortopedici del ginocchio che si dedicano di più al trattamento protesico e quelli che si dedicano più a quello artroscopico. Problemi specifici possono essere affrontati grazie all’esperienza di diversi super specialisti che se ne sappiano occupare, ciascuno con più competenze su quella particolare patologia o strategia di cura che si rende necessaria.


Chi è il miglior Ortopedico di ginocchio in Italia?

Trattandosi di una domanda molto generica è difficile dare una risposta netta e precisa. È per questo che possiamo risponderti dicendo che noi ci siamo impegnati nella selezione di alcuni dei migliori Ortopedici del ginocchio in Italia, suddividendoli per campo di maggiore specializzazione: protesica o artroscopica. Il che vuol dire che, nonostante tutti gli Ortopedici selezionati siano professionisti d’eccellenza, non saranno però tutti specificamente indicati a intervenire sul tuo caso. Per questo, se ci racconti meglio della tua situazione e ci dici dove ti trovi, sapremo consigliarti lo specialista più adatto al trattamento della tua condizione.

Chi è esperto in Artroscopia di ginocchio?

L’esperto in artroscopia di ginocchio è il Chirurgo ortopedico che abbia appreso adeguatamente le tecniche artroscopiche, che si sia dedicato principalmente a questa forma di intervento e alla regione del ginocchio. Si tratta quindi di un Chirurgo ortopedico specializzatosi nella chirurgia mininvasiva, nell’utilizzo degli strumenti necessari ad attuarla (come l’artroscopio) per trattare l’articolazione del ginocchio. Ricordiamo che l’artroscopio e gli strumenti operatori accedono direttamente alla cavità articolare senza bisogno di incisioni estese e permettono di intervenire con una finalità esplorativa (artroscopia diagnostica) o con una finalità terapeutica (artroscopia operativa). Questi strumenti e le tecniche con le quali vengono gestiti consentono di diagnosticare condizioni patologiche e contestualmente di intervenire sull’articolazione oggetto dello stato di alterazione funzionale o organica. Ne abbiamo parlato più estesamente in questa pagina dedicata.


Facendo un’Artroscopia al ginocchio, quale è la durata dell’intervento?

La durata di un intervento in Artroscopia del ginocchio può variare in base a ciò che prevede l’operazione. Interventi caratterizzati da una grande semplicità possono risolversi anche nel giro di 20-30 minuti; mentre interventi più complessi possono prevedere un prolungamento delle tempistiche, con una durata anche di una o due ore.


Quando è indicato un intervento al ginocchio?

Un intervento chirurgico al ginocchio si rivela indicato nel momento in cui i trattamenti conservativi (ovvero le vie di risoluzione non chirurgiche) offrono minime o nulle probabilità di successo.


Quando è necessaria un’operazione al ginocchio?

L’operazione al ginocchio si rivela necessaria quando occorre una via radicale di risoluzione del problema; si tratta di quei casi in cui il trattamento conservativo ha scarse o nulle probabilità di riuscita. In tali circostanze viene fatto un bilancio tra i costi del trauma chirurgico e i benefici derivanti dall’intervento, che si conclude con una netta prevalenza dei secondi. Ma fai attenzione! Il Chirurgo ortopedico è l’unico che può dirti con certezza se l’intervento chirurgico sia necessario o meno, e può farlo solo dopo averti visitato di persona e aver fatto tutti gli esami che certifichino la necessità dell’operazione.


Chi svolge l’intervento di crociato anteriore?

L’intervento di crociato anteriore è svolto dal Chirurgo ortopedico specializzato in chirurgia dellLCA. È bene che ad eseguire l’operazione sia un Ortopedico specializzato nella diagnosi e nella chirurgia del ginocchio che abbia quindi una lunga esperienza nel trattamento di questa tipologia di intervento.


L’intervento al legamento crociato anteriore è veloce?

Generalmente l’intervento al legamento crociato anteriore è abbastanza veloce, viste le innovative tecniche operatorie attraverso le quali può essere eseguito, ed ha una durata di circa un’ora.


L’intervento al crociato si fa in artroscopia?

L’intervento al legamento crociato anteriore è solitamente effettuato in Artroscopia. Il che significa che l’operazione è svolta tramite tecniche mininvasive che consentono di procedere molto velocemente senza esposizione prolungata della zona lesionata all’ambiente e quindi a rischi di infezione.


L’operazione al crociato anteriore è mininvasiva?

Sì, come specificato nella risposta precedente, le tecniche con le quali è svolta l’operazione al crociato anteriore sono mininvasive e consentono tempi operatori e di recupero molto veloci.


L’operazione al crociato è necessaria?

Dipende da vari fattori quali ad esempio il tipo di lesione subita, il livello di dolore riscontrato, l’instabilità, l’età, lo stile di vita e le condizioni di salute del paziente così come molti altri aspetti che qui non elenchiamo. Sarà il Chirurgo Ortopedico che ti visiterà e ti sottoporrà ai dovuti esami a decidere insieme a te il corretto approccio terapeutico.


È normale avere dolore al ginocchio post-intervento LCA?

Come nelle fasi successive a qualsiasi operazione, nel post-intervento LCA si ha un po’ di dolore, circoscritto soprattutto ai primi due giorni dopo la procedura. Infatti, una volta innescatosi il processo di guarigione, il dolore tenderà pian piano a diminuire. Oggigiorno, comunque, grazie a tecniche innovative di intervento, il dolore è significativamente ridotto.


L’Operazione al crociato è coperta dall’assicurazione?

Il personale specializzato Top Physio può aiutarti a capire se la tua polizza assicurativa copre oppure no questo intervento. Può darsi il caso che l’assicurazione copra l’intera spesa oppure che abbia previsto dei massimali, ossia importi massimi di rimborso, superati i quali sarà il paziente a dover coprire le spese eccedenti. Come dicevamo all’inizio, puoi contattarci per avere informazioni sulla tua polizza assicurativa ma anche nel caso volessi un parere su quale sia una la forma assicurativa che copra le prestazioni sanitari a cui tieni di più.


Chi è specializzato nel trattamento della rottura del menisco?

Il Chirurgo Ortopedico del ginocchio, in particolare quello specializzato nel trattamento delle lesioni del menisco, è il professionista in grado di occuparsi di questa problematica. Si tratta dello Specialista che, dopo aver visitato il paziente ed averlo sottoposto ad esami appropriati, sceglie se sia il caso di ricorrere all’operazione. 


Cosa comporta la rottura del menisco mediale?

La lesione del menisco mediale può comportare un insieme di segni e sintomi tra cui:
– Dolorosità interna al ginocchio
– Gonfiore
– Blocco articolare
– Instabilità
– Limitata funzionalità articolare


L’operazione a menisco e crociato è più complessa?

L’operazione a menisco e crociato si rivela generalmente più complessa in quanto prevende il trattamento di due lesioni, nell’ambito di uno stesso intervento. Quest’ultimo però viene solitamente effettuato in artroscopia, ossia tramite l’utilizzo di tecniche mininvasive, che garantiscono un minor rischio di infezioni – dato che la zona lesionata non viene esposta all’ambiente esterno –, e una ripresa più veloce rispetto a quanto accade a seguito di interventi chirurgici tradizionali.


L’operazione al crociato anteriore che tempi di recupero prevede?

I tempi di recupero post-intervento al crociato anteriore dipendono da svariati fattori:
– Trauma subito
– Età del paziente
– Condizioni di salute del paziente
– Tipologia di intervento/trattamento
– Tipo di riabilitazione e di fisioterapia
Sicuramente, mettersi nelle mani di un Ortopedico specializzato nel trattamento di lesioni al crociato anteriore che abbia alle spalle una lunga casistica di successo è un aspetto da tenere in alta considerazione per la risoluzione della propria problematica e per la riduzione dei tempi di recupero. Abbiamo ampiamente descritto le caratteristiche che contraddistinguono un Top Specialist su questa pagina. Per qualsiasi approfondimento contattaci pure! Troveremo uno specialista che ti permetterà di tornare ai tuoi impegni di tutti i giorni in sicurezza e nei tempi più brevi possibili.


L’operazione al menisco è consigliata?

L’operazione al menisco potrebbe essere il trattamento consigliato ma questa scelta dipende sempre dai risultati riscontrati dal Chirurgo ortopedico durante la visita e ottenuti dagli esami cui il paziente è stato sottoposto. Infatti, solo dopo un’accurata valutazione dell’Ortopedico, che ne abbia stabilito la necessità, si potrà procedere con l’operazione.


L’operazione al menisco che tempi di recupero prevede?

L’operazione al menisco prevede solitamente tempi di recupero molto brevi. In generale vanno però tenuti in considerazione i fattori elencati anche a proposito dei tempi di recupero post-intervento al crociato anteriore:
– Trauma subito
– Età del paziente
– Condizioni di salute del paziente
– Tipologia di intervento/trattamento
– Tipo di riabilitazione e di fisioterapia


L’intervento al menisco occorre per tornare a correre?

Sì, solitamente è fortemente consigliato. Infatti, soprattutto, nei giovani e in coloro che praticano sport, una lesione al menisco non completamente risolta – provocando dolore e creando problemi di funzionalità motoria – può compromettere la performance sportiva (bisogna ricordare che il menisco ha un ruolo fondamentale nella capacità del ginocchio di ammortizzare i traumi a cui fisiologicamente va incontro l’articolazione). L’intervento al menisco svolto in artroscopia, oltre ad essere rapido, garantisce la risoluzione radicale del problema.


L’intervento al menisco in artroscopia è il migliore?

Oggigiorno il menisco viene operato per lo più in artroscopia. Si tratta infatti di una procedura chirurgica innovativa praticata attraverso tecniche mininvasive che assicurano rapidità di intervento, minor rischio di infezioni della parte lesionata e tempi di recupero più rapidi. Quindi, nel caso in cui il paziente debba essere necessariamente operato e presenti solo la lesione del menisco, l’intervento in artroscopia rappresenterebbe la scelta migliore. Nel caso in cui si presentassero lesioni plurilegamentose allora si potrebbe pensare di intervenire adottando la metodica classica.


L’ intervento di protesi al ginocchio quando è indicato?

L’intervento di protesi al ginocchio è indicato quando l’articolazione è interessata da un grave danno, frequentemente provocato dall’osteoartrosi. Questa tipologia di intervento viene adottata qualora altri trattamenti terapeutici e operazioni meno invasive non si rendano possibili. A seconda del danno e dei casi, si potrà prevedere l’adozione di protesi totali che andranno a sostituire l’intera articolazione danneggiata o protesi monocompartimentali, ossia atte a sostituire solo una parte dell’articolazione del ginocchio danneggiata. L’intervento di protesi al ginocchio è un’operazione invasiva che deve essere adottata sulla base di molteplici criteri.


L’intervento di protesi al ginocchio quanto dura?

Solitamente l’intervento di protesi al ginocchio dura circa un’ora. Le tempistiche indicate possono però subire delle variazioni ed essere più o meno prolungate in base al tipo di lesione da cui l’articolazione è interessata e al tipo di operazione da eseguire (protesi parziale, protesi totale, revisione di protesi).


Circa la protesi al ginocchio, la durata dell’intervento è importante?

La durata dell’intervento di protesi al ginocchio è molto importante e non dovrebbe mai superare l’ora e mezza. Infatti, a un aumento dei tempi previsti per l’operazione, può coincidere un incremento della casistica di infezioni e di complicanze.


Chi cura la frattura della rotula?

Chirurgo ortopedico del ginocchio con elevata esperienza in ambito di lesioni rotulee è il professionista più adatto ad occuparsi di questo tipo di problematica.


Quali sono post-frattura della rotula i tempi di recupero?

I tempi di recupero post-frattura della rotula possono variare in base ai fattori che abbiamo indicato anche riguardo ai tempi di recupero post-intervento del crociato e ai tempi di recupero post-intervento del menisco, ossia in base a:
– Trauma subito
– Età del paziente
– Condizioni di salute del paziente
– Tipologia di intervento/trattamento
– Tipo di riabilitazione e di fisioterapia


Quali sono i sintomi della frattura di rotula?

I sintomi ed i segni della frattura della rotula sono diversi. Ricordiamo i seguenti:
– Dolore anche a riposo
– Lividi
– Deformità
– Gonfiore del ginocchio
– Limitazione della funzionalità del ginocchio


Chi cura la frattura di piatto tibiale?

Il Chirurgo Ortopedico con esperienza nei traumi del piatto tibiale è lo Specialista più indicato per intervenire su questo tipo di lesione.


Quali sono post-frattura del piatto tibiale i tempi di recupero?

I tempi di recupero post-frattura del piatto tibiale possono variare in base ai fattori elencati anche a proposito dei tempi di recupero post-intervento al crociato, al menisco e alla rotula:
– Trauma subito
– Età del paziente
– Condizioni di salute del paziente
– Tipologia di intervento/trattamento
– Tipo di riabilitazione e di fisioterapia


Chi cura un trauma al ginocchio?

Il Chirurgo Ortopedico con elevata esperienza nei traumi di ginocchio è lo Specialista più adatto ad occuparsi di questo tipo di lesioni.


Perché si ha il ginocchio gonfio e dolorante senza trauma?

Le possibilità possono essere molte e solo un Medico Specialista, sulla base di una visita e del supporto fornito dai risultati di opportuni esami di diagnostica, può rispondere in modo corretto e completo alla domanda.


Cosa può comportare un trauma al ginocchio da caduta?

Vi sono molte possibilità ed è pericoloso fare auto-diagnosi ricercando notizie e informazioni su Internet. Soprattutto nel caso l’articolazione sia dolorante e insorgano alterazioni della normale funzionalità del ginocchio è il caso di rivolgersi a un Ortopedico che possa visitarti e prescrivere gli esami appropriati da svolgere per capire se il trauma abbia effettivamente provocato delle lesioni.

Rispondiamo ad ogni particolare esigenza di cura!

Dove ti fa male?

Compila il form e un nostro specialista ti risponderà

Oppure