Agenas e Fondazione The Bridge pubblicano una raccolta dati sulle liste d’attesa per l’accesso alla prima visita ortopedica  

Ultimo aggiornamento il 10 Gennaio 2024

Agenas, in collaborazione con la Fondazione The Bridge, ha avviato un progetto pilota finalizzato alla raccolta di dati sulle liste d’attesa per la prima visita ortopedica nell’ambito della specialistica ambulatoriale. La sperimentazione coinvolge le Regioni e Province autonome, con l’obiettivo di fornire dati omogenei e standardizzati a livello regionale.

Il focus principale del progetto riguarda le prenotazioni in modalità ex ante, e tiene in considerazione il primo accesso per le visite e sia il primo accesso che gli accessi successivi per le prestazioni strumentali. I dati sono stati raccolti in modo analitico attraverso i sistemi Cup a livello centrale nella settimana del 22-26 maggio 2023.

I risultati evidenziano che sono state raccolte informazioni su 125.000 prenotazioni di visite specialistiche e 146.000 prenotazioni di esami di diagnostica strumentale. Per la prima visita ortopedica, la garanzia di accesso entro 10 giorni (classe B) è stata rispettata nel 74% dei casi, mentre entro 30 giorni (classe D) nel 78% dei casi. Tuttavia, le differenze regionali emergono, ad esempio, con la Regione Toscana che presenta un valore mediano di attesa di 18 giorni in classe D, mentre la Regione Piemonte raggiunge i 36 giorni.

Per la diagnostica strumentale di pertinenza ortopedica, la Tac è garantita entro 10 giorni (classe B) nel 78% dei casi e entro 60 giorni (classe D) nell’89% dei casi. Le giornate di attesa in classe D variano tra le Regioni, con la Provincia autonoma di Trento che registra 4 giorni e le Marche che arrivano a 21 giorni come valore mediano.

È importante notare che il calcolo del tempo di attesa tiene conto del primo appuntamento disponibile all’interno dell’ambito di garanzia delle Asl. Tuttavia, Agenas sottolinea che il 51% degli utenti fa scelte che possono distorcere i tempi effettivi, poiché chiede di poter accedere alla prestazione in una struttura diversa da quella proposta come prima disponibilità (73% dei casi) o preferendo una data successiva (20% dei casi).

Dove ti fa male?

Compila il form e un nostro specialista ti risponderà

Oppure